Cerca
lunedì, 15 agosto 2022 ore 17:30
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Cefalù, il consiglio dei ponti
vota Calabrese presidente

Impegno di tutti per il confronto
Daniele Tumminello è tornato nell’aula consiliare di Cefalù. Stavolta come sindaco che ha giurato e si è insediato assumendo le piene funzioni. Anche il consiglio si è insediato e ha scelto i suoi vertici. Presidente è Francesco Calabrese, vice presidente Alessandro Guercio. Per entrambi una votazione fotocopia: 16 voti e quattro schede bianche. Una preferenza per Simona Vicari.
Manca il voto dell’unico consigliere assente nella seduta inaugurale, Enzo Terrasi, il quale ha richiamato “impegni personali” dietro i quali potrebbe trovare spazio un disagio di tipo politico. Rispetto alla mappa del consiglio uscita dalle urne si registra qualche variazione. Due degli assessori designati, Tania Culotta e Francesca Salva Mancinelli, hanno scelto di assumere l’incarico di assessore lasciando libero il posto in consiglio: al loro posto subentrano quindi Giuseppe Spinosa e Gianluca Cesare.
Comincia così quella che Tumminello considera una “sfida” sui tanti problemi della città. Verso i quali esprime comunque la fiducia che, con “impegno e spirito di servizio”, si possa promuovere un’efficace azione amministrativa. Il clima generale sembra assecondare questo obiettivo. Lo dimostrano il clima in cui si è svolta la seduta inaugurale del consiglio e la disponibilità al dialogo e al senso di responsabilità di cui sono fatti interpreti sia Guercio sia la minoranza, a cominciare da Simona Vicari. L’opposizione apre qualche ponte quando, per bocca di Carmelo Greco, fa sapere che il proprio ruolo sarà quello di una minoranza non quello dell’opposizione chiusa a ogni esigenza di dialogo. Tutto nel segno di rinnovamento – concetto più volte ripetuto – di cui sono testimoni i giovani consiglieri intervenuti: Sara Pizzillo e Paola Castiglia, entrambe prese dal bisogno di recuperare una condizione di confronto costruttivo dopo una campagna divisiva. L’auspicio per il dialogo e per una consiliatura dei ponti (“non solo di parole ipocrite”) non può velare le occasioni di scontro, che non sono mancate già nella consiliatura precedente. Ma l’augurio è che ciascuno svolga responsabilmente la propria parte.
E una parte importante, nella composizione della nuova giunta, spetta certamente a Rosario Lapunzina che sarà vice sindaco con deleghe importanti e che, come consigliere più votato, ha presieduto la parte della seduta dedicata all’insediamento.
Nel suo intervento Lapunzina ha citato Giorgio La Pira sposando il suo appello ai fiorentini e alla Firenze di cui era stato eletto sindaco: “Amatela questa città, come parte integrante, per così dire della vostra personalità. Voi siete piantati in essa; in essa saranno piantate le generazioni future che avranno da voi radice: è un patrimonio prezioso che voi siete tenuti a tramandare intatto, anzi migliorato e accresciuto, alle generazioni che verranno”.
L’amore per la città invocato da La Pira è diventato un impegno per Cefalù e per il suo futuro.
27.06.2022

Gli articoli in primo piano
CRONACA Scatta il Ferragosto dei divieti. Né fuochi né bivacchi nelle spiagge di Cefalù per evitare...
CRONACA Aperto, all’ingresso del parco della Rocca, il bokshop e il punto souvenir realizzato con fondi...
CULTURA & SPETTACOLI Riti e folclore per il ferragosto nel Borgo più bello d’Italia. Gli elementi di base saranno,...
CRONACA Si lavora a Polizzi Generosa per la riapertura della strada investita a gennaio da una frana che ha...
CULTURA & SPETTACOLI Vincenzo Garbo, docente di lettere, è il nuovo presidente della Fondazione Mandralisca. Lo ha...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy