Cerca
martedì, 04 ottobre 2022 ore 15:11
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
Crowley davanti alla villa

Crowley, il “mago” che portò
scandalo e curiosità a Cefalù

Scrittore, pittore, ma anche esploratore, scalatore e mago: un personaggio eclettico, quasi leggendario quello di Alensteir Crowley (1875-1943) noto ai più come padre dell’occultismo moderno e ispiratore della maggior parte dei gruppi esoterici contemporanei.
Fin da giovane aveva maturato un’educazione familiare e scolastica basata su una rigida osservanza dei precetti dottrinali, di un protestantesimo fondamentalista, quello della setta dei darbisti, a cui era legata la famiglia.
Si trasferì a Cambrige nel 1895 per intraprendere gli studi universitari, e vi rimase fino al 1898. L’influenza della corrente agnostica, i legami con esponenti del movimento relativista e positivista, lo indussero ben presto a elaborare una nuova religione, quella di Thélema, che si fonda sulla pratica di cerimoniali di «magia sessuale» attraverso la riscoperta dei culti, delle tradizioni e dei rituali orgiastici pagani.
L’iscrizione “Fai ciò che vuoi, sarà tutta la tua legge” all’ingresso della villa di Santa Barbara a Cefalù – l’Abbazia di Thélema – ben sintetizza i precetti cardine del pensiero crowleiano. È proprio questo il principio su cui si fonda il “Libro della Legge”. Un testo che non può essere annoverato nell’ambito della sua produzione letteraria, in quanto – come più volte da lui stesso ribadito – gli sarebbe stato dettato da un’entità “preterumana”.
Non si conosce con esattezza il motivo per cui abbia scelto Cefalù come luogo per erigere l’Abbazia. Il suo progetto iniziale prevedeva la costruzione di un tempio circolare sormontato da una cupola di vetro, retta da otto colonne e alta 12 metri. Una costruzione mai realizzata a causa del diniego di finanziamento, da parte della Banca Commerciale Italiana di Palermo, cui era stato richiesto. Ciò nonostante, Crowley giunse lo stesso a Cefalù.
Nelle sue “Confessions” descrive così il suo arrivo: «Raggiungemmo la località l’ultimo giorno di marzo del 1920. Dubito che gli dei abbiano guidato i nostri passi per avere trovato un hotel così sordido, sporco e lurido. Giurai che non vi avrei trascorso una seconda notte. Gli dei risposero all’appello. Un uomo di nome Giordano Giosus [Don Giosuè] si presentò … mi condusse sulla collina ed ecco! Una villa che sembra essere fatta apposta». E che poi prese in affitto. Visse qui con le sue donne, i suoi figli e altri adepti. La villa divenne l’Abbazia.
I “Murmuna”, così erano chiamati gli abitanti dell’Abbazia dai cefaludesi, trascorsero qui tre anni fino al maggio 1923, anno in cui il regime fascista ne ordinò l’espulsione dal territorio italiano. La ragione ufficiale fu ricondotta ai rituali sessuali e satanici praticati nell’Abbazia.
14.06.2010

Gli articoli in primo piano
CULTURA & SPETTACOLI Achille Occhetto torna a Cefalù per presentare il suo ultimo libro "Perché non basta dirsi...
CRONACA C’è voluto l’intervento di un elicottero della polizia per soccorrere un turista canadese che...
CRONACA Quasi 510 chilometri da percorrere a piedi in una settimana, con un dislivello di oltre 20 mila...
CRONACA È morto sotto gli occhi della moglie e di decine di bagnanti che affollavano la spiaggia con le...
CRONACA Ci scappò il morto per un parcheggio conteso a Campofelice di Roccella. Dopo quattro anni arriva la...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy