Cerca
sabato, 16 febbraio 2019 ore 7:21
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
"NON HO ALCUN MANDANTE OCCULTO"

Croci: è diritto di Cefalù
avere elezioni regolari

Ancora polemiche con Lapunzina
Edoardo Croci torna sulla vicenda del ricorso dopo le dichiarazioni del sindaco Saro Lapunzina che si è detto pronto a pagare di sua tasca le eventuali spese legali a seguito della disputa nata dalla presenza, alle amministrative di maggio, dell'incandidabile Vittorio Sgarbi. "Prendo atto della disponibilità di Rosario Lapunzina di farsi carico personalmente delle spese legali degli avvocati incaricati dal Comune di Cefalù per costituirsi in giudizio contro il ricorso che ho promosso per l’annullamento delle elezioni comunali, qualora il Tar non addebiti le spese alla mia parte - ha detto il professore della Bocconi - ma ribadisco che si tratta di un’iniziativa impropria ed eticamente discutibile. La tesi di Lapunzina, secondo la quale il Comune di Cefalù ha un suo specifico interesse a difendere la validità del procedimento elettorale perché se vi fosse un giudizio di illegittimità ne deriverebbero dei costi per lo svolgimento di nuove elezioni, è una foglia di fico per difendere la propria posizione indipendentemente dalla legalità. Se vi saranno dei costi è giusto e opportuno che il Comune si rivalga su coloro che con la loro condotta hanno causato il danno" aggiunge Croci, secondo il quale "in nessun caso questa può essere una ragione per non tutelare il diritto dei cefaludesi alla regolarità delle elezioni".

Le note si fanno polemiche poco più avanti, quando l'ex assessore della giunta Moratti dichiara: "Non mi stupisce che Lapunzina si mostri “certo” che il Tar respingerà il mio ricorso. Dovrebbe altrimenti spiegare perché in campagna elettorale ha fatto tutto il possibile perché l’incandidabile Sgarbi rimanesse candidato. Trovo invece curioso che parli di “mandanti occulti” delle mie iniziative. I sostenitori della mia candidatura da “indipendente” sono saliti con me sul palco in Piazza Duomo. Lo stesso non mi pare si possa dire dei suoi che si sono appalesati solo dopo il voto".
10.07.2012
Paola Castiglia

Gli articoli in primo piano
POLITICA I sindaci hanno disertato le sedute e la Regione manda un commissario ad acta per approvare il...
CRONACA La vertenza Blutec è al centro di una seduta straordinaria del consiglio comunale di Termini...
POLITICA Da otto anni il Parco delle Madonie è senza un presidente ed è affidato a un commissario nominato...
CRONACA Il ministro Luigi Di Maio tornerà il 23 febbraio a Termini Imerese. Non è l’unica notizia...
CRONACA Alla fine Luigi Di Maio ha ceduto e ha deciso di incontrare i sindaci del comprensorio di Termini...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com