Cerca
martedì, 15 ottobre 2019 ore 7:13
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
ACCORDO AL MISE CON AZIENDA E SINDACATI

Blutec, per tutto il 2019
la cassa integrazione

La Regione verserà 12 milioni
Arrivata una boccata d’ossigeno per gli operai Blutec. È stato firmato al Ministero dello Sviluppo economico un verbale di accordo che consente il rifinanziamento della cassa integrazione straordinaria a partire dal 1 luglio e fino al 31 dicembre 2019. L’annuncio è stato dato dal Mise. Il governo metterà a disposizione fino a 30 milioni di euro mentre la Regione siciliana si è impegnata a destinare circa 12 milioni di euro, dei 20 milioni già finanziati, per le Aree di crisi complessa di Termini Imerese e di Gela.
L'accordo siglato dal MiSE e dal Ministero del Lavoro, dalla Regione, da Blutec e dai sindacati consentirà al commissario giudiziale di presentare un piano su tutto il perimetro aziendale, individuare nuovi investitori e salvaguardare i lavoratori. Lunedì 24 giugno è, inoltre, in programma a Termini Imerese un tavolo tecnico dedicato allo sviluppo del territorio, presieduto dal vice capo di gabinetto Giorgio Sorial, con i sindaci, i rappresentanti della Regione e Invitalia.
In qualche modo determinante, nella definizione dell’accordo, la disponibilità della Regione a coprire la cassa integrazione per i lavoratori dello stabilimento Blutec per il 2019. Il governo, invece, si fa carico, con un decreto, del finanziamento degli ammortizzatori sociali del 2017 e 2018.
Nell'incontro, il commissario straordinario ha "illustrato la gravità della situazione finanziaria e industriale in cui ha trovato Blutec alla data del 12 marzo 2019, in cui è stato immesso nel possesso della società", ha detto il segretario nazionale Uilm, Gianluca Ficco. Ciò nonostante si è riusciti a far fronte regolarmente ai pagamenti degli stipendi, a recuperare i rapporti con i fornitori strategici e a riprendere i rapporti con FCA, principale cliente del gruppo. In questo modo sono stati ridotte le perdite da un milione al mese a circa 350mila euro. È stata inoltre presentata domanda di concordato e sarebbe in preparazione il relativo piano che dovrà contemplare una soluzione per tutti gli stabilimenti del gruppo in Italia. E in più sono stati avviati contatti con potenziali investitori.
21.06.2019

Gli articoli in primo piano
CRONACA Era un atto di guerra. Il suo ricordo è diventato un gesto di pace. Cefalù ha voluto dare questo...
SPORT La Targa Florio classica consegna l’alloro a Giovanni Moceri e Valeria Dicembre. Spettacolare...
CRONACA Domenica si rinnova l’appuntamento con “Ciceroni per un giorno” promosso dall’associazione I...
CRONACA Un telefonino non si nega a nessuno. Nemmeno agli studenti che non riescono a separarsi un solo...
CRONACA La Fondazione Giglio diventa totalmente digitale. L'appalto per la digitalizzazione dell'istituto è...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com