Cerca
martedì, 02 giugno 2020 ore 17:19
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
LA REGIONE DECIDE MISURE URGENTI

Cinghiali, parte il piano
di abbattimenti selettivi

La Regione dichiara lo stato di emergenza nelle Madonie per il sovraffollamento di cinghiali. Annunciata da Crocetta dopo la mortale aggressione di Cefalù, la misura accoglie le proposte dei sindaci per una selezione controllata della popolazione dei suidi che sono ormai più di diecimila. Lo stato di calamità autorizzerà il governo a chiedere alla Protezione civile e alle autorità misure straordinarie in deroga. Un emendamento stralcio alla legge regionale consentirà poi di accelerare l'iter degli interventi. Se ne occuperà l’Ars in questi giorni.
Il piano, che diventerà legge, prevede una campagna di cattura e abbattimenti affidata a forestali, uomini delle forze di polizia, guardie venatorie. E partirà in autunno. Non prima.
La commissione ambiente e territorio dell’Assemblea ha fatto sapere, per bocca del suo presidente Giampiero Trizzino, di essere “pronta ad accogliere proposte valide ad accelerare la risoluzione del problema. Ma è chiaro, aggiunge Trizzino, che “esistono delle responsabilità e vanno accertate, altrimenti non basteranno altre mille leggi”.
Trizzino ha convocato un incontro al quale hanno partecipato tra gli altri l'assessore all'ambiente Maurizio Croce e i vertici dell'assessorato agricoltura.
"Tra le proposte avanzate - ha detto Trizzino - ci sono quella della parziale modifica della norma esistente che garantisca la commercializzazione delle carni dei capi abbattuti e l'ampliamento del numero delle figure che possano coadiuvare le attività di cattura o abbattimento dei 'suidi', quali guardie venatorie, guardie forestali, guardie comunali, proprietari".
Sulla dichiarazione dello stato di emergenza si è detto d’accordo il presidente del Parco delle Madonie, Angelo Pizzuto, pure ascolta in commissione.
“La modifica normativa – ha detto riferendosi all’emendamento deciso dalla giunta – consentirà di aggirare alcuni ostacoli determinati dall'impugnativa della legge rendendo più agevole la redazione dei piani di abbattimento dei suidi che, unitamente ai piani di cattura, possono consentire di mettere un freno alla proliferazione di questi ibridi che da anni mettono in pericolo le proprietà, le colture e ora anche l'incolumità dei residenti delle Madonie”.
10.08.2015

Gli articoli in primo piano
CRONACA Dall’inizio della pandemia questa è la notizia migliore: la Sicilia è da oggi una regione a...
CRONACA Il sindaco Rosario Lapunzina parla di “tolleranza zero”. Ce l’ha con chi abbandona per strada...
CRONACA “È tempo di una nuova alba”. Riparte da questo slogan la promozione turistica di Cefalù. Dopo...
CRONACA Ripartire ma in sicurezza, andando avanti uniti ma sempre distanti. La Fondazione Giglio di Cefalù...
CRONACA Le Torri della cattedrale di Cefalù hanno riaperto le loro porte in via eccezionale per la...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com